'A GGENIALITÀ DE NOANTRI

Che er monno è gonfio de cerebbrolesi è risaputo. Però se vai a spurcià bene quarche genio ‘nmezzo ar mucchio ‘o trovi pure.
Certi erano capoccioni è vero, artri ‘nvece ciavevano solo culo e hanno fatto scoperte pe’ puro caso!
Quinni nun perde ‘e speranze subbito, capace che ciaa poi fa pure te, abbi fede.

 

image

Te piace fa ‘e sgommate c‘aa machina eh! Poi però quanno vai a cambià ‘e gomme tiri giu ‘e madonne… Er gommista invece è contento e t’aringrazzia e dovrebbe da ringrazzià pure Charles Goodyear che è merito suo si mo usamo tutti li penumatichi.

C’ha fatto Carletto Annobono? N’aa prima metà der XIX secolo s’è ‘nventato sto metodo de lavorazzione d’aa gomma che se chiama vurcanizzazione (in italiano se dice vulcanizzazione, senza ‘a ère). Praticamente scallando ‘a gomma è possibbile legalla chimicamente a’o zorfo (zolfo) ottenendo un materiale più elastico e flessibbile, e pure più resistente.

Er fattaccio è che Goodyear, a differenza de quanto sembra, nun era un tipo popo svejo… anfatti st’invenzione sua non l’ha mai brevettata e nun c’ha mai visto ‘na lira! Però ‘sta vurcanizzazione funzionava, anfatti dopo ch’è morto hanno fondato n’azienda de pneumatichi e j’hanno dato er nome suo appunto, Goodyear… un po’ a presa per culo.



image

Er nome Alexander Fleming te dice quarcosa?

Era er 1928, l’anno dopo ‘a fondazzione d’aa Maggica, e sto Alexander s’era pijat quarche giorno de ferie pe’ annà in villeggiatura perchè a forza de cortivà batteri de ‘gni tipo se stava a coce er cervello. Quann’è tornato a lavoro (era un medico-biologo) s’è accorto che c’era ‘na finestra aperta… lì per lì se credeva che erano ‘mboccati i ladri, poi s’è guardato ‘ntorno e ha visto che ce stava tutto e s’è reso conto che se l’era dimenticata aperta lui.

E ‘nsomma, se rimette a guarda ‘e capsule Petri ‘ndo cortivava i batteri e s’accorge che ce ne stava una co ‘na chiazza più chiara, je fa subbito strano perchè ‘ndo stanno i batteri pare che ce sta tipo ‘a zella… allora s’aa studia per benino e s’accorge che, ar posto d’ii batteri, ce stava ‘na muffa (der genere Penicillium) che era ‘mboccata d’aa finestra aperta e aveva contaminato tutte ‘e corture che stava a lavorà… aa’inizzio ha tirato giu ‘na serie de bestemmie perchè se credeva che j’era annato a puttane tutt’er lavoro, poi però s’è reso conto che sta muffa ciaveva un potenziale non indifferente visto che era capace d’ammazzà li batteri.

E anfatti ‘a penicillina è stata usata pe ‘na cifra de anni come antibbiotico… anche se a inizzio ‘a sperimentazione sui cristiani nun diede boni risurtati, finchè nun è arivata Mary Hunt che ha trovato er ceppo più efficace e l’ha sfruttato ar mejo.

 



image

Mo t’aricconto un paro de ‘nvenzioni c’hanno rivoluzzionato er fattore sicurezza n’ee machine.

Er primo è quello der parabbrezza infrangibbile.
Pe’ st’invenzione dovemo da ringrazzià un chimico francese che se chiamava Edouard Benedictus che un giorno fece cascà ‘na lastra de vetro ner labboratorio ‘ndo lavorava. Andò a pijà a scopa p’ariccoje i cocci e se rese conto che er vetro s’era rotto si, ma nun s’era frantumato in mille pezzi. Ce mise un po’ pe capì che era successo, e a’aa fine s’accorse che sur vetro ce stava come ‘na pellicola che s’era formata co’ l’evaporazzione de un liquido, contenente collodio, che aveva usato come adesivo.

Un po’ de tempo dopo, ner 1903, Edoardo sentì ‘a notizzia de ‘na ragazza che era morta in un chioppo c‘aa machina perchè aveva sfonnato er parabbrezza c‘aa capoccia… allora je tornò in mente quer fatto der labboratorio e decise de creà un vetro co ‘na patina de nitrocellulosa incorporata.

Cià visto lungo, anfatti dar 1920 ‘e case automobbilistiche inizziarono a produre i parabbrezza infrangibbili

L’antra invenzione che te vojo raccontà è quella d’aairbegghe.
Era er 1952 e sto tizzio che se chiamava John W. Hetrick s’è schiantò co ‘a machina… n’aa sfiga je disse pure un gran culo, du vorte! Primo perchè nun è annato dritto all’arberi pizzuti, seconno perchè sto botto je fece venì n’idea geniale… anfatti ‘a machina era uscita d’aa strada e s’era annata a ‘nfognà in mezzo a’aa fanga che attutì er colpo così tanto che ‘a machina se fece solo quarche bozzo e lui e a famija sua nun se fecero gnente. Ce pensò pe’ un anno intero e a’a fine depositò er brevetto.
Fu solo ner 1973 però che inizziarono a fa ‘e machine coll’airbegghe.

 



image

Questo nun so s’oo conosci perchè da ‘e parti nostre nun è popo comune. Te sto a parlà der sapone galleggiante (Ivory Soap)

Te stai a chiede ‘ndo sta ‘a genialità? T’oo dico subbito.

‘Na vorta nun ce stavano e docce o e vasche da bagno (a dì er vero nun ce stavano popo i bagni, s’annava de fori dietro ‘e fratte), e pe lavasse bisognava riempì ‘na tinozza o, si eri fortunato, s’annava ar fiume. In entrambi i casi ‘a saponetta classica era un probblema, anfatti si poco poco te scivolava aricchiappalla nun era ‘no scherzo.
Ner fiume annava a fonno e dovevi rincorrela sinnò ‘a corente t’aa portava via, n’aa tinozza invece l’acqua era tarmente lurida che nun vedevi er fonno.

Un giorno n’operajo che lavorava dentro a ‘na fabbrica de saponi se ne va a casa e se dimentica acceso un macchinario pe’ tutta ‘a notte.
‘A matina dopo s’accorge che ‘a miscela de sapone aveva ‘nglobbato ‘na cifra d’aria… er risultato è facile da immagginà, er sapone galleggiava!

Allora i capoccia d’aazzienda se so’ detti:

“Ah regà, che famo, je tajamo ‘e gambe a quer deficiente?”
"No daje Lellè, lassa perde che quello cià famija"
"Embè mo che famo?! Buttamo tutto ar cesso?!"
"Ma de che, ‘o vennemo ‘o stesso!"

Detto fatto, ner giro de poco tempo tutti ciavevano ‘a saponetta galleggiante e loro se so ritrovati co ‘e tasche gonfie!

 



image

Tra ‘e tante cose che se poteva inventà Percy Spencer er forno a microonne (microonde) era l’urtima che se sarebbe aspettato.
Era n’ingegnere de ‘na società americana e stava a lavorà co un tubbo
magnetron, ‘no strumento che è capace de ggenerà onde a frequenze artissime (fino a 60,000 Megahertz!), è usato pure pe’ certi tipi de radar.

E ‘nsomma, Spencer (che era goloso come ‘na fogna) a forzà de giocà co ‘ste microonne s’accorge che je s’era sciorta ‘na baretta de cioccolata che ciaveva in tasca. Rosica ‘na cifra perchè era l’urtima ma poi se rende conto che erano state ‘e microonne der magnetron… je viè subbito er lampo de genio e inizzia a fa de’e prove mettendo er tubbo magnetron vicino a dei chicchi de mais e, indovina un po… tempo pochi secondi e s’aritrova dentro a ‘na stanza piena de poppe corne!

Da quer momento decise de costrui un forno a microonde vero, ce riuscì e fece un pacco de sòrdi!

 

 



image

Er pongo, didò, play-doh, chiamalo come te pare sempre ‘a stessa robba è…
Ma quanto ciai giocato quann’eri regazzino?! T’aricordi quanno facevi ‘e pallette e’ee tiravi sur muro poi arivava tu madre e te corcava de botte perchè lasciavi ‘e macchie? Strano a disse ma eri uno svejo da regazzino, anfatti er pongo era nato come materiale pe’ pulì ‘a carta da parati!

L’azzienda c’oo produceva era un po’ sfigata, tra diriggenti ammalati e vendite che nun annavano un granchè a ‘na certa s’aa stavano a vede brutta. Ma quanno meno te l’aspetti ariva er genio, tale Kay Zufall, che era ‘a cognata de Joe (uno d’ii diriggenti d’aazzienda).

Kay faceva ‘a maestra e je serviva quarcosa pe’ fa d’ee decorazzioni de natale co’ i regazzini d’aa classe, senza spènne ‘na lira. Sapeva che l’azzienda der cognato stava messa male allora pija e compra ‘na valanga de ‘sta pasta bianca, j’aa mette ‘n mano a li regazzini e capirai… questi ce giocavano e je piaceva ‘na cifra!

Da lì a falla colorata er passo è stato breve e l’azzienda der cognato de Kay, insieme ar didò, ha spopolato.

 



image

L’inventore se chiama, anzi se chiamava visto che ormai s’oo semo giocato, John Stith Pemberton e faceva er farmacista in America, aa Atlanta.

John stava a cercà un rimedio pe’ er mal de testa e l’8 maggio der 1886 se mette giù de tigna e fa sto bibbitone nero, che era ‘na variazzione der vino de coca ovvero un mischione de vino e foje de coca ‘nventato dar farmacista Angelo Mariani, che aveva spopolato in Europa. Pemberton invece fa er bibbitone anarcolico e ar posto der vino ce mette n’estratto de noci de cola, che è ‘na pianta tropicale. Anche se a ‘na certa ‘e foje de coca so’ state bandite.

Pe’ i primi 8 anni er farmacista vendeva aa coca-cola solo n’aa farmacia sua, poi è arivato ‘sto Asa Candler, ha capito subbito che er bibbitone era ‘na bomba, j’ha comprato i diritti e ha inizziato a vendela come bevanda anarcolica dapertutto! Paraculisssssssimo.

 



image

Ner 1908 Jacques Edwin Brandenberger, che era n’ingengere chimico svizzero, stava a cena a’ ristorante e vede ‘na bottija de vino che s’arovescia su ‘a tovaja. Je pija er pallino che se deve da ‘nventà a tutt’ i costi ‘na pellicola trasparente da ‘ncollà sui tessuti pe falli diventà ‘mpermeabbili.

Dopo esperimenti co’ un sacco de materiali a’aa fine sur tessuto ce applica ‘no strato de viscosa liquida. Er probblema è che ‘a tovaja ‘nzuppata diventava troppo riggida e se sbriciolava… un risurtato pessimo. Però quà j’ha detto culo a Brandenberger perchè senza volello s’accorge che ‘aa patinatura de viscosa se spellava e se poteva staccà. Ne risurtava ‘na pellicola trasparente… er celofan (cellophane) appunto.

Come vedi pure a lui j’è venuto er lampo de ggenio tutto de ‘n botto.

 



image

T’aricordi quann’eri regazzino e n’eri bono a fa gnente? N’ te sapevi manco allaccià ‘e scarpe e come ce l’avevi? C’oo strappo… ‘o strappo in italiano se chiama velcro, ma pe commodità noi ‘o chiamamo vercro. É un metodo de chiusura ‘nventato da Georges de Mestral ner 1941 ma è stato brevettato solo dieci anni dopo.

A Giorgetto, che era n’ingegnere, j’e venne l’idea tornato a casa dopo ‘na passeggiata in campagna cor cane. Anfatti s’aritrova su ‘a giacca tutti fiori de Bardana (qu’ii cosetti pelosi d’ee piante che s’attaccheno e li devi da levà uno a uno), addosso ar cane poi manco te lo sto a dì!

Incuriosito decide de guardalli mejo ar microscopio e s’accorge che ciavevano ‘na specie de uncini, tutto contento d’aa scoperta pure lui ce se mette de tigna e ‘nventa er vercro che è costituito da 2 pezzi diversi: uno che è ‘na srtiscia de tessuto peloso quasi tipo velluto e l’artro che è tessuto co’ dei piccoli uncinetti flessibbili che s’arpionano sur pelo.

Anfatti ‘a parola vercro deriva dar francese velour (asola) e crochet (uncino).

 



 

image

Ciai presente ‘a penna bicche, no? Quella che ce facevi pure a cerbottana, ‘a classica penna a sfera… l’ha ‘nventata ner 1938 uno che se chiamava László József Bíró, famo Laslo.
Era un giornalista ungherese e un giorno vede ‘na palla che finisce dentro ‘na pozzanghera e nota che quanno esce fori lascia ‘a scia su ‘a tera, je viene in mente de fa ‘na cosa simile co’ l’inchiostro e bisogna ammette che cià visto no lungo… deppiù!
‘A penna a sfera è facile facile, dentro ‘a punta ce ‘sta un serbatojo pe’ l’inchiostro e ‘na palletta piccola (er diametro va da 0,38 mm a 1,6 mm) che quanno gira lascia ‘a scia.

Pare che er primo a chiamà sto tipo de penna “biro” è stato Italo Calvino in onore dell’inventore.

 

 



image

Frank Epperson ciaveva 11 anni e ‘na sera se dimentica su ‘a finestra un bicchiere de acqua e soda co’ dentro ‘no zeppetto che aveva usato pe’ ammischià.
Er giorno dopo Frank aritrova un pezzo de ghiaccio, ‘o pija e ‘o mette sotto l’acqua calla pe’ staccallo dar bicchiere, praticamente je resta in mano er primo ghiacciolo co’o zeppetto.

Ner 1924 ha brevettato l’idea, è diventato ricco, famoso e cià avuto ‘na cifra de belle pischelle.


Ce ne stanno ‘na marea de invenzioni interessanti… tipo Don Perignon che stava a sperimentà un metodo de fermentazzione e j’è venuto fori ‘o sciampàgne (champagne), oppure Leo Hendrik Baekeland che progettava n’isolante elettrico, ma nun era popo forte anfatti j’è mezzo scoppiato tutto… e pe’ sbajo s’è ‘nventato l’esplosivo ar plastico.

N’antro esempio è quello der dottor Spencer Silver che stava a cercà de fa ‘na colla potentissima in grado d’asciugasse subbito e ‘nvece j’è uscita fori debbole e inasciugabbile… er Post-Itte.

E ‘nsomma questo te dimostra che tutto po’ succede… famo quasi tutto… e magari uno come te, che pare un po’ un pupazzo, un giorno magari se ne esce co’ n’invenzione geniale!

Come ar solito, nun te montà ‘a capoccia e continua a fa’ er serio com’hai sempre fatto… o armeno fai finta!


...